E’ che ci manca la fantasia…

Standard

Mi è capitato di leggere la recensione di questo racconto http://deliberoarbitrio.wordpress.com/2011/12/11/lavorerai-col-sudore-della-fronte/ (“Nanomacchine a Clifford Falls”). E’ interessante. Ma probabilmente quello che spaventa l’autore come in generale chiunque pensi a un mondo senza lavoro è che bisogna ripensare da zero TUTTO. E questo ci terrorizza. Non è che è solo un cambiamento della nostra Comfort Zone…è un crollo!

Probabilmente non si verificherà nulla di tremendamente catastrofico come previsto dalla storia. In realtà, in un mondo in cui non è necessario lavorare, ci saranno persone che faranno AL MEGLIO solo quello che gli piacerà più fare. Agricoltori biologici, ristoratori che apriranno una volta a settimana magari, ma quel giorno serviranno dei piatti strepitosi, artigiani, creativi, gente che farà il proprio lavoro per passione e non per pagare i conti.

In questo contesto, il dovere sarà annullato e con esso, qualsiasi cosa comporti della frustrazione…come ad esempio degli spostamenti inutili.

Annunci

Tanto per citarne uno…

Standard

Nel 1999 una mia amica mi regalò questo libro. Lei era riuscita ad entrare a Scienze della Comunicazione, io no. Avevo, quindi, deciso di non continuare gli studi e lavorare. Suppongo che il suo intento fosse quello di farmi rallentare un po’ visto che a quel tempo ero una grande stacanovista.
Credo che mai un libro abbia influenzato così tanto la mia visione delle cose quanto questo.
Il colmo di tutto ciò? Ora è lei la stacanovista! Io non più.

cop“Il futuro del lavoro – Fatica e ozio nella società postindustriale” – Domenico De Masi

il lavoro che non c’è

Standard

Siamo tutti disoccupati. Sì anche tu con un contratto a tempo indeterminato che mi stai leggendo dal tuo ufficio in attesa della prossima pausa caffè. Se non lo sei, lo sarai presto. Perché?

Perché il lavoro sta finendo. Finalmente si sta avverando quello che molti filosofi avevano previsto e tutti noi auspicato: la liberazione dal dovere. La fine della condanna biblica “con il sudore del tuo volto mangerai il pane” [ Genesi 3, 14-19 ].

Prova a vedere questa puntata di Superquark del 2 Gennaio 2014, magari dal punto 00:56:00, se non ci credi.

Lavoreremo solo per il piacere di farlo. Anzi telelavoreremo.

2014…Ricominciamo!

Standard

Ricomincio a parlare di lavoro, come quando avevo il blog “from A to Marcellì” o il “Magico mondo di Marcellì”… Ricomincio, nel 2014 a parlare di lavoro quando il lavoro non esiste più, quando il mondo è in crisi e nessuno ha più certezze e la gente si guarda intorno cercando di capire cosa sta succedendo e come salvarsi. Ricomincio a parlare di qualcosa che sta morendo, proiettando i pensieri a qualcosa che ancora non è nato… con le mie idee fuori dal tempo, con le mie profezie per un futuro che chissà quando avverrà.

Ricomincio perché qualcuno dovrà pur farlo….